Tinte naturali: l’henné (lawsonia inermis) – La mia esperienza tra preparazione, ossidazione e tempi di posa.


Avete visto in tante la foto del pacchettino di henné sul mio instagram ed eravate curiose di scoprire i risultati di quest’esperimento. Bene eccomi qui a raccontarvi passo passo la mia personalissima esperienza. 😀

Già ho commesso il primo errore chiamandola solo henné, troppo generico diranno le veterane sull’argomento. Si chiama lawsonia inermis, come si legge anche sulla scatola. Ѐ la polverina verdognola che vedete nella ciotolina rosa.↓

wp_20160917_12_55_13_pro

Ho acquistato La Tradizione Erboristica Forsan Hennè Rosso Egiziano su amazon per meno di 4,00€ (vi lascio il link anche alla fine dell’articolo se può esservi utile). Un prodotto 100% naturale, green planet, senza conservanti ne additivi chimici, anche la confezione è prodotta con cartoncino riciclato. All’interno ho trovato due bustine monodose di prodotto da 50 g ciascuna ed una confezione di guanti monouso.

Ingredienti: Lawsonia Inermis Leaf Powder.

Esistono vere è proprie religioni sui metodi di preparazione, ossidazione e tempi di posa. Qualsiasi cosa io scriva in questo articolo so che sarà potenzialmente sbagliata, spero di non scatenare ire divine. Chiedo venia per la mia inesperienza.

Bando alle ciance, vi dico subito che ho seguito alcuni consigli di My Makeup Review (blog e canale youtube) ed altre varie piccole informazioni recuperate su google.

Cosa occorre per preparare il vostro henné?

  • Un recipiente, che non utilizzate a scopo alimentare. Io ad esempio ho usato una tazza di ceramica, che avevo riciclato come porta pennelli da make up
  • Un cucchiaio
  • Tanta carta da cucina a portata di mano,per pulire se necessario
  • Una soluzione per diluire la polvere
  • Guanti monouso
  • Pellicola da cucina
  • La vostra bustina di henné.

Non mancano pareri contrastanti nemmeno riguardo la questione dei materiali di ciotole e cucchiai. Alcune dicono di bandire i materiali metallici poiché potrebbero creare contrasto con le sostanze contenute nel preparato, mentre altre asseriscono sia nella tradizione preparare la tinta in recipienti metallici, per favorirne l’ossidazione.
La prossima volta proverò un recipiente metallico e vi farò sapere, quel giorno avevo a disposizione solo quella tazza.
Non volendo utilizzare posate che potevano poi tornare, anche solo per sbaglio, ad uso alimentare ho preferito usare dei cucchiai di plastica (ne ho rotti 4 a furia di mescolare).

Preparazione:

C’è chi per diluire la polvere di henné usa il tè, altri camomilla oppure yogurt, miele, aloe ecc.. nella confezione era indicato di diluire il prodotto con acqua.

Essendo la mia prima volta ho utilizzato del tè nero. Una volta tiepido l’ho aggiunto poco alla volta alla mia polvere di lawsonia inermis mescolando fino ad ottenere un composto cremoso ed omogeneo. Ho utilizzato il contenuto di entrambe le bustine, quindi 100 g di henné. I miei capelli non saranno più lunghissimi, ma sono molto folti e grossi.

I tempi di ossidazione dell’henné

Sempre sul canale di  My Makeup Review veniva suggerito di lasciare il composto ad ossidare, perché la lawsonia inermis è un erba che non colora immediatamente. I tempi di ossidazione variano a seconda della temperatura che abbiamo in casa. Il giorno che ho fatto la tinta c’erano più o meno 30° e ho lasciato ad ossidare per 4 ore, prima delle quali il mio composto non avrebbe rilasciato colore.

timetemp
Foto dal sito http://www.hennapage.com/

Ho avvolto la mia ciotolina con la pellicola per evitare che l’henné seccasse. Trascorso il tempo di riposo la pappetta aveva iniziato a cambiare colore, in superficie tendeva al marrone. L’ho applicata utilizzando i guanti, partendo dalla radice e distribuendo il composto per tutta la lunghezza. Infine ho avvolto i capelli con la pellicola.
Sul web consigliavano di utilizzare anche una cuffietta o un cappello, per aumentarne l’efficacia, ma non ho la prima ed il secondo sarà disperso in qualche scatolo di accessori per l’inverno sull’armadio.

Ho aspettato altre 4 ore prima di risciacquare i capelli con acqua tiepida. La confezione invece diceva di lasciarla in posa 1 ora. Ci son voluti altri 40 minuti e più applicazioni di shampoo per eliminare ogni residuo.

Il risultato appena asciutti e sotto i raggi del sole era questo. ↓ Il riflesso non si nota con luce artificiale.

wp_20160917_18_03_25_pro

Il mio colore naturale è castano scurissimo, non utilizzo tinture chimiche da ormai più di 10 anni. L’ultima volta che ho fatto una tinta frequentavo ancora il liceo ed è stato un color cioccolato per coprire delle ciocche rosa. 😛

Appena ci sarà una giornata di sole provvederò a postare una foto migliore su instagram.

La mia esperienza è stata positiva. Devo ammettere che l’effetto era meraviglioso non solo per il riflesso ma sopratutto per la sensazione al tatto. I miei capelli sembravano appena tagliati, più forti e robusti. Sicuramente replicherò appena avrò abbastanza tempo libero. Fare l’hennè necessita veramente di molto tempo!

Ecco il link dell’hennè: clicca qui

Il nostro break anche per oggi si conclude qui.🙂

Un forte abbraccio,
xoxoxo
Dominella

followmeBuzzooleINSTAGRAM|TWITTER|FACEBOOK
Annunci

12 thoughts on “Tinte naturali: l’henné (lawsonia inermis) – La mia esperienza tra preparazione, ossidazione e tempi di posa.

  1. quiestcettefilleblog

    Grazie mille! Ho i capelli fini e fragili e mi hanno sempre consigliato di provare l’henné, anzi lawsonia inermis :p
    comunque il “problema” è che a me l’idea di farmi rossa non piace. Per questa ragione vorrei chiederti, per caso sai se l’henné neutro davvero non rilascia colore?
    Grazie ancora per aver condiviso la tua esperienza 🙂

    • dominella86

      Neanche questo ha rilasciato colore, ma riflessi che si vedono solo al sole.Ti consiglio di dar un occhio al canale che ho linkato, la ragazza mi sembrava molto esperta ed ha pubblicato diversi video a tema Hennè. 🙂

  2. elenalifeandstuff

    Che bello!! Molto utile questo articolo!! Io avevo provato a fare l’Hennè ma sui toni del mio colore naturale e devo dire che mi sono trovata molto bene. Mi piace soprattutto il fatto che rinforza anche il capello. 🙂

  3. ideepensharing

    Io avevo provato l’hennè per avere un po’ di riflessi ramati sulla mia base castano scuro. Ricordo di aver aggiunto succo di limone e karkadè alla polvere. Ci ho impiegato tutta la mattina. Mi avevano consigliato di lavare i capelli precedentemente senza usare il balsamo per evitare l’effetto filmante e far funzionare meglio il tutto.
    Sia con l’hennè rosso sia con quello neutro (cassia italica che non tinge) avevo notato capelli molto più forti!

  4. Laura85

    Ciao Dominella! Ma guarda è proprio una coincidenza strana, anche io settimana scorsa ho messo un post sull’henné, perché ho ripreso a farlo!! Mi piace un sacco ed avevo smesso perché non è certo la cosa migliore del mondo… ma come dici tu l’effetto è strepitoso a prescindere dal colore, quindi ho dovuto ricominciare.
    Ma sai che ho scoperto proprio nei giorni in cui ho ripreso le erbette che in realtà quella dell’ossidazione è una grande leggenda metropolitana? L’ho scoperto dopo aver messo su un gruppo la foto della mia hennata: per motivi di tempo (e rimbambimento) non avevo potuto ossidare e mi ero stupita che la lawsonia avesse colorato comunque… infatti se vedi le foto sul blog si vede benissimo, nonostante l’attesa zero e la base scura il capelli sono molto rossi! Con mio sommo stupore mi hanno risposto che in realtà questa erbetta rilascia colore da subito e non c’è bisogno di aspettare… ti giuro son caduta dalle nuvole, io sapevo da anni quello che dici pure tu! Non si finisce mai di imparare 😀 prossima volta magari puoi provare a eliminare l’ossidazione, se ti va, io trovo che questo riduca un po’ lo sbattimento… almeno posso decidere di fare l’hennata anche all’ultimo minuto 😉

    (colgo l’occasione anche per dirti che ti ho nominata qua, https://appuntidimakeup.wordpress.com/2016/10/07/autunno-in-tag/#more-6608 , ma non mi offendo se non fai il tag… )

Commenta qui :D

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...